Droni spia cinesi sono una minaccia per gli States?

di Davide Longopiede 0 visite

I legislatori che sono stati informati sulle centinaia di intrusioni alla Casa Bianca, al Campidoglio e al Pentagono si preoccupano di un possibile spionaggio.

Negli ultimi mesi sono stati individuati centinaia di droni di fabbricazione cinese nello spazio aereo limitato sopra Washington, una tendenza che le agenzie di sicurezza nazionale temono possa diventare un nuovo strumento di spionaggio straniero.

I droni da diporto prodotti dall'azienda cinese DJI, progettati con restrizioni di "geofencing" per tenerli lontani da luoghi sensibili, sono stati manipolati dagli utenti con semplici accorgimenti per sorvolare le zone vietate intorno alla capitale.

Funzionari federali ed esperti dell'industria dei droni hanno tenuto briefing riservati ai comitati del Senato per la Sicurezza interna, il Commercio e l'Intelligence sullo sviluppo, secondo quanto riferito da tre persone a conoscenza degli incontri. Un portavoce del Comitato per l'Intelligence - che è stato tenuto al corrente dei rischi di controspionaggio - ha rifiutato di commentare i briefing. Gli altri due comitati non hanno risposto.

Questa storia si basa su interviste a sette funzionari governativi, legislatori, collaboratori del Congresso e appaltatori. È stato garantito loro l'anonimato perché non sono autorizzati a parlare pubblicamente di discussioni private e talvolta riservate che coinvolgono funzionari governativi.

I funzionari affermano di non credere che gli sciami siano diretti dal governo cinese. Tuttavia, le violazioni da parte degli utenti segnano una nuova svolta nella proliferazione di droni relativamente economici ma sempre più sofisticati, che possono essere utilizzati per il tempo libero e il commercio. Inoltre, arrivano mentre il Congresso discute l'estensione delle attuali autorità federali e l'adozione di nuove per monitorare i veicoli aerei come potenziali minacce alla sicurezza.

"Questo fa parte di una tendenza all'uso di droni commerciali per motivi potenzialmente nefasti", ha dichiarato Rachel Stohl, vicepresidente dei programmi di ricerca presso il think tank Stimson Center, che segue da vicino il mercato globale dei droni. "Stiamo vedendo nelle zone di conflitto, in altri teatri, l'affidamento e l'uso di droni commerciali".

"Potrebbe trattarsi solo di una innocente raccolta di dati, o di una semplice occhiata in giro, per vedere cosa succede, e non in modo sistematico", ha aggiunto l'esperta. "Ma il potenziale, ovviamente, è che alla fine potrebbero essere più pericolosi".

Non è chiaro cosa farà il Congresso per affrontare la minaccia, se lo farà. Sono state presentate diverse proposte di legge, ma la maggior parte non ha superato il livello di commissione. Inoltre, l'autorità limitata che esiste per le agenzie federali non di difesa di utilizzare la tecnologia di contrasto ai droni scadrà presto, a meno che i legislatori non si muovano per estenderla. Al momento è prevista dalla risoluzione di continuità che finanzia il governo federale e che scade il 16 dicembre.

E sebbene i funzionari ritengano che Pechino non stia supervisionando gli sciami, DJI ha ottenuto finanziamenti da entità di investimento di proprietà del governo cinese - un fatto che DJI avrebbe cercato di nascondere. Inoltre, la facilità con cui gli utenti amatoriali possono eludere le restrizioni di volo significa che anche le loro telecamere ad alta definizione o altri sensori potrebbero essere violati per la raccolta di informazioni.

"Qualsiasi prodotto tecnologico che abbia origine in Cina o in aziende cinesi presenta un rischio reale e un potenziale di vulnerabilità che può essere sfruttato sia ora che in un momento di conflitto", ha dichiarato in un'intervista il senatore Marco Rubio, vicepresidente del Comitato per l'intelligence, in merito alle potenziali minacce poste dai droni di fabbricazione straniera. Sono fabbricati in Cina o da un'azienda cinese, ma ci mettono sopra un adesivo di un'azienda non cinese che lo riconfeziona in modo che non si sappia nemmeno che lo si sta acquistando".

Il senatore Marco Rubio ha introdotto a febbraio una legge per aggiungere DJI all'elenco della Commissione federale per le comunicazioni che lo designa come una minaccia per la sicurezza nazionale. | Rebecca Blackwell/AP Photo

"Ma tutto ciò che è tecnologico ha la possibilità di avere delle vulnerabilità incorporate, nel software o nell'hardware, che possono essere sfruttate in qualsiasi momento", ha aggiunto Rubio (R-Fla.).

DJI sostiene di non avere alcun controllo su ciò che i clienti fanno una volta acquistati i suoi prodotti.

"Purtroppo, anche se DJI mette in atto tutte le misure necessarie per identificare e notificare ai nostri clienti le aree in cui non possono volare, non possiamo controllare il comportamento degli utenti finali", ha dichiarato Arianne Burrell, responsabile delle comunicazioni di DJI Technology, Inc.

"Ma da parte nostra facciamo tutto il possibile per garantire che seguano le norme stabilite dalle loro località", ha aggiunto.

Hackerato o manipolato

Il produttore cinese di droni DJI è il più grande produttore al mondo di droni personali e professionali e i suoi prodotti rappresentano la maggior parte dei droni ricreativi negli Stati Uniti.

Esperti di sicurezza governativi e non, hanno espresso preoccupazione per i potenziali legami del governo cinese con il produttore di droni. Il Pentagono ha vietato l'acquisto di droni di fabbricazione cinese nel 2017 e il Dipartimento degli Interni, che ha la più grande flotta di droni civili del governo federale, ne ha vietato l'uso tranne che per le emergenze. Ma migliaia di agenzie federali, statali e locali preposte all'applicazione della legge fanno ancora molto affidamento sui droni DJI, secondo uno studio del 2020.

Lo studio ha mostrato che le agenzie di pubblica sicurezza in California, Texas, Illinois, Wisconsin e Florida hanno il maggior numero di droni, la maggior parte dei quali sono modelli DJI.

Tutti i droni commerciali, che utilizzano il GPS per la navigazione, sono progettati in modo da non poter operare all'interno dello spazio aereo limitato di Washington e vengono forniti con istruzioni per gli utenti sulla necessità di seguire tutte le normative locali. Ma queste restrizioni possono essere facilmente aggirate.

"Ci sono video su Youtube che potrebbero spiegare ai vostri nonni come aggiornare il software di uno di questi droni per renderlo non rilevabile e per fare un sacco di altre cose, come sbarazzarsi dei tetti di quota, ogni genere di cose", ha detto un appaltatore governativo che ha contribuito a raccogliere i dati per le autorità federali. "Se si dovesse acquistare un drone DJI in un negozio, non potrebbe sorvolare aeroporti o città specifiche a causa di una specifica zona di interdizione al volo. Quindi, tutto ciò che vediamo a Washington che è un prodotto di fabbricazione DJI è stato violato o manipolato per consentire il volo in queste zone".

La frequente violazione di queste norme potrebbe offrire un vantaggio di intelligence per gli attori malintenzionati.

L'appaltatore ha descritto la potenziale minaccia come "un bambino di otto anni o un adulto ignaro che ha ricevuto un DJI per Natale e sta inconsapevolmente raccogliendo dati per qualcuno che potrebbe diventare un serio avversario".

"Un utente più sofisticato può utilizzare un drone per lo spionaggio industriale o per gli attacchi informatici. Un drone potrebbe atterrare sulla vostra casa e iniziare a catturare tutte le informazioni wireless che vengono trasmesse dalla vostra abitazione", ha aggiunto l'imprenditore. "Allo stesso modo, si potrebbe fare su un edificio federale, una rete elettrica o altre infrastrutture critiche. La realtà è che i tecnici hanno sempre detto: "Guarda, in qualsiasi momento i cinesi possono prendere il controllo di un DJI che vola in aria"".

Il governo statunitense ha accusato DJI di avere legami finanziari con il governo cinese e i documenti pubblici elencano tra i suoi investitori persone sostenute da Pechino. Il Pentagono ha citato tali legami quando ha inserito i droni DJI nella lista nera.

Burrell ha negato qualsiasi legame finanziario con il governo cinese. "Siamo un'azienda privata. Non prendiamo soldi dal governo cinese", ha dichiarato.

Burrell ha inoltre dichiarato che l'azienda si impegna a rispettare tutte le leggi e le normative statunitensi. "DJI si impegna attivamente per essere all'avanguardia nelle normative che riguardano l'industria dei droni", ha dichiarato Burrell, "perché la sicurezza dei voli ci sta molto a cuore".

La Federal Aviation Administration afferma che negli Stati Uniti sono registrati più di 870.000 droni - tre volte il numero di aerei pilotati.

Inoltre, si stima che entro il 2024 negli Stati Uniti saranno registrati 2,3 milioni di sistemi aerei senza pilota - circa 1,5 milioni di droni e aeromodelli per uso ricreativo e 800.000 droni commerciali - che potranno volare.

Gli utenti fanno sempre più spesso volare i droni dove non dovrebbero.

A luglio, Samantha Vinograd, assistente segretario ad interim della Sicurezza interna, ha dichiarato alla Commissione per la sicurezza interna e gli affari governativi del Senato che dal 2018 i servizi segreti degli Stati Uniti hanno incontrato "centinaia di droni" che hanno violato le restrizioni di volo temporanee volte a proteggere il presidente.

Vinograd ha anche avvertito che i droni disponibili in commercio possono "essere utilizzati da agenzie di intelligence straniere ostili o da criminali per raccogliere informazioni e consentire lo spionaggio, rubare tecnologia sensibile e proprietà intellettuale e condurre attacchi informatici contro dispositivi o reti wireless".

"Le potenziali implicazioni possono essere significative per le strutture sensibili degli Stati Uniti, la base industriale della difesa, le aziende tecnologiche e altri", ha aggiunto.

Lo spazio aereo più sicuro del mondo

La comparsa di così tanti droni di fabbricazione cinese nello spazio aereo protetto sopra Washington rappresenta una nuova sfida.

I dati recentemente condivisi con il Congresso evidenziano più di 100 incursioni in un recente periodo di 45 giorni, ma le fonti hanno chiesto di non pubblicare numeri specifici, luoghi e frequenza per motivi di sicurezza.

Tuttavia, è molto di più di quanto sia stato pubblicamente riconosciuto, come ad esempio l 'intrusione di quest'estate che ha brevemente bloccato i voli all'aeroporto nazionale Ronald Reagan di Washington.

"Ci sono molti più droni che volano nel nostro spazio aereo di quanto ci si aspetterebbe", ha detto l'appaltatore.

Ma non si tratta semplicemente del numero di droni, che sono comunemente segnalati in numero ancora maggiore nelle aree metropolitane o ricreative di tutto il Paese.

"Ne vedrete centinaia nello stesso periodo di tempo, ma la differenza più grande è ovviamente che la regione della capitale nazionale è lo spazio aereo più sicuro del mondo", ha detto l'appaltatore.

Secondo la FAA, la Special Flight Rules Area intorno a Washington è un anello di circa 55 miglia che inizia al Reagan National. Gli operatori di droni devono ottenere una deroga dalla FAA per volare all'interno dell'area.

La FAA sostiene che sta adottando ulteriori misure per individuare i droni e garantire che non interferiscano con gli aerei commerciali o che non rappresentino altri rischi per la sicurezza.

L'anno scorso ha adottato una "regola di identificazione remota" che richiede che i droni siano identificabili con una "targa digitale" che aiuterà le forze dell'ordine a "trovare la stazione di controllo quando un drone sembra volare in modo non sicuro o dove non è autorizzato a volare", ha dichiarato la FAA.

La FAA sta inoltre testando nuove tecnologie in prossimità degli aeroporti per individuare meglio i droni che potrebbero rappresentare un rischio per la sicurezza.

La FAA, interpellata specificamente sull'aumento dell'attività dei droni sopra gli edifici federali sensibili, ha risposto che, pur essendo responsabile della gestione dello spazio aereo limitato sopra D.C., non ha il ruolo di difenderlo. Ha rimandato queste domande ai Servizi Segreti.

"A causa della necessità di mantenere la sicurezza operativa, i Servizi Segreti degli Stati Uniti non commentano i mezzi, i metodi o le risorse utilizzate per condurre le nostre operazioni di protezione", ha dichiarato un portavoce dei Servizi Segreti.

Preoccupazione del Congresso

L'attività dei droni sopra D.C. ha innervosito i membri del Congresso che hanno la supervisione della sicurezza nazionale e dell'aviazione.

"Tutti sono molto preoccupati e cercano di capire cosa fare", ha detto l'appaltatore.

A febbraio Rubio ha presentato una legge per aggiungere DJI a un elenco della Commissione federale per le comunicazioni che lo designa come una minaccia per la sicurezza nazionale. La designazione limiterebbe la capacità dei droni DJI di collegarsi ai sistemi di telecomunicazione degli Stati Uniti, ma non è ancora stata approvata dal Congresso.

Ha proposto la misura dopo che è stato riferito che l'azienda ha cercato di nascondere i suoi finanziamenti da parte del governo cinese. In collaborazione con i Democratici, Rubio ha anche cercato di proibire agli enti governativi statunitensi di utilizzare fondi federali per acquistare droni di fabbricazione cinese. Anche questa legislazione si è arenata.

Il senatore Gary Peters (D-Mich.), che presiede il Comitato per la sicurezza interna e gli affari governativi, a luglio ha guidato un blocco bipartisan nella presentazione di una legislazione che espanderebbe le autorità dei dipartimenti della sicurezza interna e della giustizia, nonché delle forze dell'ordine statali e locali, per individuare e contrastare i droni che rappresentano una potenziale minaccia per la sicurezza.

Il senatore Gary Peters (D-Mich.), a luglio, ha guidato un blocco bipartisan nella presentazione di una legislazione che espanderebbe le autorità dei Dipartimenti di Sicurezza Nazionale e di Giustizia per individuare e contrastare i droni che rappresentano una potenziale minaccia per la sicurezza. | Win McNamee/Getty Images

Il disegno di legge prevede anche la creazione di un database degli incidenti "legati alla sicurezza" che coinvolgono i sistemi aerei senza pilota all'interno degli Stati Uniti.

Alcune disposizioni hanno suscitato preoccupazioni tra i gruppi per la tutela della privacy, che temono che un sistema di tracciamento dei droni su scala nazionale possa violare i diritti del Primo Emendamento.

L'American Civil Liberties Union, ad esempio, ha sostenuto che "un tale sistema minaccia di cancellare qualsiasi possibilità di funzionamento anonimo dei droni, cosicché, ad esempio, un attivista che voglia registrare le malefatte delle aziende o le azioni della polizia durante una protesta potrebbe essere preso di mira dopo il fatto, o bloccato prima di esso".

Ma anche alcune delle attuali autorità del governo federale per contrastare i droni sono destinate a scadere il mese prossimo e l'amministrazione Biden sta sollecitando il Congresso a ripristinarle rapidamente.

"Abbiamo individuato centinaia di droni che hanno agito ogni volta in violazione delle leggi federali e, poiché la minaccia continua a crescere, stiamo indagando su diversi episodi, anche all'interno degli Stati Uniti, di tentativi di armare i droni con [ordigni esplosivi improvvisati] fatti in casa", ha dichiarato il direttore dell'FBI Christopher Wray alla commissione Peters il 17 novembre.

"Questo è il futuro che c'è ora, e questa autorità ha un disperato bisogno di essere riautorizzata".