Consegna del sangue tramite droni

di Davide Longopiede 0 visite

I droni dell'esercito stanno sganciando pacchetti di sangue simulato sul deserto del Mojave nel tentativo di trovare modi migliori per far arrivare il più rapidamente possibile le forniture mediche alle truppe ferite.

Negli ultimi mesi, i soldati di Fort Irwin, in California, si sono esercitati a raccogliere il carico dei droni dopo che i rifornimenti sono caduti a terra, attaccati a piccoli paracadute bianchi e arancioni.

Le lezioni di due decenni di guerra in Iraq e Afghanistan, le scene dell'Ucraina e i timori di futuri conflitti con Paesi come la Cina stanno guidando gli sforzi, hanno detto i ricercatori a Stars and Stripes.

"L'esigenza è piuttosto chiara: assicurarsi che il sangue intero sia accessibile ai medici in avanscoperta", ha dichiarato Nathan Fisher, capo dei robot medici e dei sistemi autonomi presso il Telemedicine and Advanced Technology Research Center di Fort Detrick, Md.

Il drone per le forniture mediche di Fisher, noto come Project Crimson, è stato quello che ha sorvolato e lasciato cadere il sangue finto a Fort Irwin durante uno scenario di addestramento per una situazione di incidente di massa.

L'esercitazione si è svolta tra la fine di settembre e novembre e ha visto la partecipazione di personale medico degli eserciti statunitense e australiano.

Il drone FVR-90 utilizzato dall'esercito può decollare e atterrare in verticale e trasportare fino a 22 libbre di sangue intero a temperatura controllata a truppe distanti fino a 250 miglia, secondo una dichiarazione del TATRC dello scorso anno.

"Questo drone supporta l'assistenza medica sul campo quando l'evacuazione dei feriti non è un'opzione", ha dichiarato Fisher. "Può mantenere il sangue intero e altri elementi cruciali refrigerati nell'unità di refrigerazione portatile autonoma e portarli ai medici sul campo con i guerrieri feriti".

Una delle lezioni più amare apprese in 20 anni di guerre americane è la necessità di prevenire rapidamente la perdita di sangue sul campo di battaglia, ha dichiarato il Col. dell'Air Force Stacy Shackelford, medico e capo del Joint Trauma System di San Antonio.

La guerra in Afghanistan e la guerra in Russia-Ucraina in particolare erano nella mente degli ufficiali medici militari quest'estate quando hanno sviluppato sette raccomandazioni per migliorare il programma di approvvigionamento di sangue del Dipartimento della Difesa, ha detto Shackelford a Stars and Stripes.

Una raccomandazione è stata la ricerca sulla consegna del sangue con i droni.

Gli Stati Uniti hanno avuto la completa superiorità aerea in Iraq e Afghanistan e le truppe hanno fatto affidamento sulla capacità di trasportare rapidamente e in sicurezza i feriti negli ospedali da campo per le cure di emergenza. Ma questo potrebbe non essere possibile in guerre future con Paesi che dispongono di missili antiaerei e jet da combattimento, ha detto Shackelford.

"Penso che si arriverà alla consegna del sangue con un drone, con un qualche tipo di veicolo senza pilota che può volare e consegnare più sangue o più proiettili, qualunque cosa sia necessaria", ha detto Shackelford, in una dichiarazione di quest'estate.

Oltre a una consegna più rapida, la fornitura di sangue sul campo di battaglia con un drone presenta un vantaggio in termini di costi rispetto all'uso di elicotteri o all'addestramento di un maggior numero di medici per effettuare trasfusioni sotto il fuoco, hanno detto gli ufficiali.

Secondo le stime dell'esercito, i tempi per trasformare gli UAV in banche del sangue militari volanti non sono poi così lontani.

È "davvero dietro l'angolo", ha detto il ricercatore Adam Meledeo, secondo la dichiarazione.